Avvocati a Cagliari, clamoroso sciopero: "Costi assurdi per i clienti"

Pubblicato il 10.02.2014

Intervista del quotidiano "Casteddu on line" all'avv. Andrea Loi, Presidente della Associazione Giovani Avvocati del Foro di Cagliari

Sciopero a oltranza degli avvocati cagliaritani: protesta senza precedenti contro gli elevatissimi costi dell'accesso alla giustizia per i cittadini

Autore: Redazione Casteddu Online il 10/02/2014 20:33

Gli avvocati del Foro di Cagliari iniziano un clamoroso sciopero ad oltranza contro gli elevati costi d'accesso alla giustizia da parte dei cittadini. Andrea Loi, Presidente dell'Associazione Giovani Avvocati del Foro di Cagliari, spiega: "Già in occasione dell'Assemblea dell'Avvocatura Sarda del 30 giugno 2012 ad Arborea spiegammo che era in atto un vero e proprio gioco al massacro: erano, difatti, già stati assunti gravissimi provvedimenti che penalizzavano sia l'attività dell'avvocato, che l’accesso del cittadino alla giustizia. In quell'occasione evidenziammo che era inutile continuare ad arretrare dinanzi alle veementi aggressioni inferte all’Avvocatura dal potere esecutivo e legislativo. La proclamazione di scioperi brevi, spesso a ridosso dei giorni festivi, e di inattuabili "scioperi bianchi" non avrebbe portato a nulla. Ora - continua Loi - abbiamo deciso di astenerci ad oltranza dalle udienze, e di cancellarci dalle liste delle difese d'ufficio, ovvero quelle riguardanti il penale". Con riferimento alla cancellazione dalle liste del gratuito patrocinio (servizio del quale possono usufruire i cittadini con reddito inferiore ai 10 mila euro), parimenti deliberata nel contesto dell’assemblea straordinaria del Foro di Cagliari del 7 febbraio scorso, alcuna posizione è stata, invece, assunta dai Giovani Avvocati del Foro di Cagliari. Finché il Ministro della Giustizia non ascolterà le loro rimostranze, gli avvocati sono intenzionati ad andare avanti nella protesta. "Noi non tolleriamo - afferma Loi - che le spese per l'accesso alla giustizia siano così elevate: sono addirittura triplicate, in certi settori, negli ultimi due anni. Fra gli ultimi provvedimenti governativi, presentati come di riforma del processo civile, è dato addirittura riscontrarsi una vera e propria mortificazione del principio costituzionale di motivazione dei provvedimenti giurisdizionali; il cittadino dovrà, difatti, sostenere ingenti costi per accedere alle motivazioni della sentenza. Inoltre - ricorda il Presidente dei Giovani Avvocati - le nostre tariffe sono state abrogate: non c'è più certezza sui compensi; tanto nel contenzioso, quanto, e soprattutto, nell’attività stragiudiziale, diviene assai arduo riuscire a comprendere quale tariffario debba o possa essere applicato. Qualche dato per sfatare il mito dell'avvocato ricco: il 40% ha un reddito inferiore ai 16 mila euro annui; negli ultimi dodici mesi si sono cancellati dal Foro di Cagliari oltre 200 colleghi".

Matteo Meloni 

 

 

 http://www.castedduonline.it/cagliari/centro-storico/13123/avvocati-a-cagliari-clamoroso-sciopero-costi-assurdi-per-i-clienti.html